mercoledì, Febbraio 8, 2023
No menu items!

Una donna accusa Steven Tyler di averla aggredita sessualmente negli anni ’70

Steven Tyler si esibisce durante la cerimonia di investitura della Rock & Roll Hall of Fame a novembre a Los Angeles. In una causa intentata martedì, una donna sostiene di avere 16 anni quando il cantante l’ha aggredita sessualmente per la prima volta.

Una donna ha intentato una causa accusando Steven Tyler, il frontman del gruppo rock Aerosmith, di aver abusato sessualmente di lei negli anni ’70 quando lei era adolescente e lui aveva 20 anni.

Julia Misley, che ora ha 65 anni, afferma nella causa intentata martedì alla Corte Superiore di Los Angeles che Tyler ha usato il suo status di rockstar e il suo potere per “pulirla, manipolarla, sfruttarla, aggredirla sessualmente” nel corso di tre anni. Chiede un importo imprecisato di risarcimento in denaro.

Misley, precedentemente nota come Julia Holcomb, ha parlato apertamente per anni di come dice che Tyler l’ha trattata quando era un’adolescente. Ha affermato di essere stata incoraggiata a intraprendere un’azione legale da una legge dello stato della California che ha temporaneamente ampliato l’età in cui gli adulti possono intentare cause civili per violenza sessuale subita da minorenni.

LEGGI  Coronavirus: ufficiale il primo caso in Abruzzo - BREAKING NEWS

“Voglio che questa azione smascheri un’industria che protegge i trasgressori delle celebrità, per ripulire e ritenere responsabile un’industria che mi ha sfruttato e mi ha permesso di essere sfruttato per anni, insieme a tanti altri bambini e adulti ingenui e vulnerabili”, ha detto Misley in un dichiarazione rilasciata dai suoi avvocati venerdì.

Misley sostiene di aver incontrato Tyler per la prima volta poco dopo il suo sedicesimo compleanno, quando fu invitata nel backstage di un concerto degli Aerosmith a Portland, Oregon, nel 1973. Tyler avrebbe avuto 25 anni all’epoca. Dopo lo spettacolo, secondo la causa, un “membro di spicco di una rock band di fama mondiale” ha portato Misley nella sua camera d’albergo, dove “ha compiuto vari atti di condotta sessuale criminale”. Il musicista ha poi comprato a Misley un biglietto aereo per un concerto a Seattle, sostiene la causa, perché non poteva viaggiare con lui attraverso i confini di stato come minorenne.

LEGGI  Vola in Albania per le cure dentistiche, torna e muore d'infarto

I rappresentanti di Tyler non hanno risposto immediatamente alle richieste di commento di NPR.

La causa afferma che Tyler ha convinto la madre di Misley a lasciarlo diventare il suo tutore legale, promettendole di iscriverla a scuola e di fornirle cure mediche migliori. Il cantante “non ha mantenuto in modo significativo queste promesse e invece ha continuato a viaggiare, aggredire e fornire alcol e droghe al querelante”, afferma la causa.

LEGGI  Vola in Albania per le cure dentistiche, torna e muore d'infarto

I dettagli si allineano con le stesse parole di Tyler dal suo libro di memorie. Nel libro, la rock star descrive di essere diventata tutrice di qualcuno che è quasi diventata la sua “sposa adolescente”, secondo Rolling Stone , che per primo ha riportato la notizia della causa. Ha scritto: “i suoi genitori si sono innamorati di me, hanno firmato un documento per farmi avere la custodia, quindi non sarei stato arrestato se l’avessi portata fuori dallo stato. L’ho portata in tournée con me”.

Misley, che alla fine è stata messa incinta da Tyler, secondo la causa, è stata costretta da lui ad abortire. Scrivendo pubblicamente oltre un decennio fa sulla loro relazione, Misley ha detto di aver lasciato Tyler nel 1977. In seguito si è sposata ed è diventata madre di sette figli.

LEGGI  La cerimonia degli Oscar vieta Zoom, il vincitore dovrà essere presente
ARTICOLI INTERESSANTI SULLO STESSO TEMA:

I più visti della settimana: