domenica, Dicembre 4, 2022
No menu items!

Le 7 serie tv che hanno reso celebre la HBO

HBO ha subito diverse iterazioni nel corso degli anni, ma una cosa è rimasta costante: la sua programmazione stimolante. Nel suo decennio inaugurale, la rete via cavo ha portato il “Thrilla in Manila” nelle case degli Stati Uniti e  ha aperto la strada al moderno stand-up speciale . Gli anni ’80 hanno visto l’aggiunta di un canale gemello – Cinemax, che ha continuato la tradizione della HBO di trasmettere uscite cinematografiche – oltre a milioni di abbonati. Verso la metà degli anni ’90, la rete si era affermata come la forza preminente della televisione, una posizione che a volte ha faticato a mantenere, a causa della crescente concorrenza.

Ma il percorso tracciato dalla serie originale della HBO è tanto chiaro quanto impressionante:  The Larry Sanders Show e I Soprano hanno  conferito prestigio al mezzo, mentre l’adattamento fantasy-horror  True Blood ha intrattenuto le masse, aprendo la strada ai drammi di oggi. Negli anni 2010, Girls and Insecure ha riportato gli spettatori con i piedi per terra e ha ampliato l’ambito della programmazione di HBO, assicurando che le offerte del cablatore premium riflettessero la sua base di pubblico diversificata.

Mentre HBO celebra il suo 50° anniversario, riflettiamo sulle sue ere uniche di programmazione, viste attraverso queste sette serie decisive.

1st & Ten (dal 1983 al 1990)

Un decennio prima che “Non è TV. È HBO” entrasse nel lessico, HBO ha adottato l’approccio opposto e ha tentato di ricreare la trasmissione televisiva su cavo premium. Nel 1984, con Cheers e Family Ties che dominavano le onde radio, la HBO prese di mira i Big Three con 1st & Ten (1984-1991), una sitcom che sfruttava appieno gli standard rilassati di volgarità e nudità del cavo. 1st & Ten ha interpretato Delta Burke nei panni del nuovo proprietario di una squadra di football immaginaria, i California Bulls, e Reid Shelton ( Annie‘s originale Daddy Warbucks) come vecchio allenatore della squadra. Sebbene abbandoni la traccia delle risate, la sitcom della HBO ha utilizzato lo stesso umorismo sarcastico e le stesse trame del mondo reale che caratterizzavano le commedie dell’epoca, conferendo un’aria di familiarità alla serie.

Burke ha lasciato 1st & Ten a metà della terza stagione per un ruolo da protagonista in Designing Women della CBS , ma la serie è andata avanti fino al 1991, con OJ Simpson, Shanna Reed e Jason Beghe che si sono uniti al cast nelle sei stagioni.

1st & Ten potrebbe essere stato il tentativo più ovvio di HBO di ricreare la formula della trasmissione, ma non era affatto l’unico. Negli anni ’80, la commedia sketch Not Necessarily the News (1983-1990) ha sperimentato il Saturday Night Live e il formato SCTV , e Philip Marlowe, Private Eye (1983-1986), andato in onda attraverso lo stagno su ITV, ha portato avanti l’eredità di drammi polizieschi come Columbo e Magnum, PI .

Lo spettacolo di Larry Sanders dimostra che la commedia è re (dal 1990 al 1998)

Se 1st & Ten è stato il tentativo di HBO di assimilare i Big Three, The Larry Sanders Show (1992 – 1998) ha mostrato ai dirigenti il ​​potere della vera originalità (non sorprende che lo slogan iconico di HBO sia stato introdotto nel 1996). La parodia a tarda notte ha offerto al creatore e star Garry Shandling l’opportunità di riflettere sul suo tempo come ospite in piedi e popolare ospite del Tonight Show mentre raccontava storie a episodi sulle strutture di potere, il culto della celebrità e le dinamiche sul posto di lavoro, con risultati esilaranti. Nonostante il suo pubblico relativamente piccolo, Larry Sanders è stato determinante nello stabilire HBO come un luogo per la programmazione di qualità e la sua influenza può essere avvertita in molte commedie successive, tra cui Curb Your Enthusiasm eEntourage .

Con le sue 56 nomination agli Emmy (ma solo tre vittorie, in gran parte dovute al predominio di Frasier all’epoca), The Larry Sanders Show è stato il fiore all’occhiello dell’acclamata formazione comica della HBO degli anni ’90, che includeva anche Dream On (1990-1996) — dai co-creatori di Friends Marta Kauffman e David Crane — Mr. Show With Bob and David (1995 – 1998), Arliss (1996 – 2002) e Sex and the City (1998 – 2004), l’ultimo dei quali ha debuttato solo in uno settimana dopo che Larry Sanders ha fatto il suo ultimo inchino nel maggio 1998.

I Soprano inaugurano un decennio d’oro (dal 1998 al 2008)

Foto: HBO

Qualsiasi discussione sul posto della HBO nella storia della televisione sarebbe incompleta senza una menzione di The Sopranos (1999-2007), il dramma criminale seminale di David Chase sulla mafia, la malattia mentale, i ruoli di genere e la vita suburbana americana. Ampiamente considerato uno dei migliori, se non il migliore, programmi televisivi di tutti i tempi, I Soprano non solo ha inaugurato un’età d’oro della televisione guidata dall’antieroe; ha anche aiutato il mezzo ad affermarsi come una forma d’arte in grado di raccontare storie con la stessa eleganza e grandezza di film, letteratura e teatro.

LEGGI  Gli attori di Scrubs hanno passato Pasqua insieme: le foto della riunion

Nel corso di sei stagioni, I Soprano hanno consolidato il posto di HBO come destinazione televisiva da non perdere, portando a un enorme boom di abbonamenti. Più soldi significavano più programmazione e budget più grandi: Beyond The Sopranos , HBO ha pubblicato alcuni dei drammi più celebrati nella storia della televisione durante questo periodo, in particolare Oz (1997-2003), Six Feet Under (2001-2005) e The Wire (2002 – 2008) — un altro contendente per il miglior spettacolo di tutti i tempi.

LEGGI  Courteney Cox e Ed Sheeran ricreano la danza degli amici di Monica / Ross

Angels in America cementa la miniserie della HBO Dominance (dal 2000 al 2010)

Considera questo qualcosa di una sotto-era. Mentre la HBO stava accumulando milioni di nuovi abbonati ossessionati dai Soprano , ha iniziato a investire in brevi miniserie una tantum, sfornandone una dozzina dal 2000 al 2010. L’apice di questo sforzo è arrivato nel 2003 con Angels in America , l’adattamento di Mike Nichols di L’opera teatrale vincitrice del Premio Pulitzer di Tony Kushner. Una visione costellata di star dell’amore, della perdita e del rimpianto sullo sfondo dell’epidemia di AIDS, Angels in America ha dato nuova vita al formato del film per la televisione e ha rafforzato la reputazione della HBO come sede di adattamenti di grande importanza storica e culturale.

Agli Emmy Awards del 2004, Angels in America ha battuto un record decennale precedentemente detenuto da Roots per il maggior numero di Emmy assegnati a una miniserie in un solo anno (11 vittorie su 21 nomination), e ha spazzato via tutte le categorie principali, un’impresa solo due altri spettacoli, Schitt’s Creek e The Crown , hanno realizzato.

Negli anni successivi, la HBO ha continuato a dominare questa categoria, vincendo l’Emmy come miglior miniserie per Elisabetta I (2005), John Adams (2008) e The Pacific (2010). È stata la serie biografica di John Adams di Tom Hooper e Paul Giamatti a battere Angels con 13 vittorie su 23 nomination agli Emmy, il record attuale.

HBO affonda i denti nella narrativa di genere con True Blood (dal 2008 al 2012)

Foto: HBO

L’eredità moderna di HBO è intimamente intrecciata con Il Trono di Spade (2011-2019), ma è stato True Blood (2008-2014) a spianare la strada a GOT dimostrando che la narrativa di genere potrebbe avere successo su un cavo premium. Presentato in anteprima solo poche settimane prima del primo film di Twilight , True Blood ha interpretato Anna Paquin nel ruolo di Sookie Stackhouse, una cameriera telepatica nella Louisiana rurale che si innamora di un vampiro centenario, Bill Compton (Stephen Moyer). Questa premessa soprannaturale è servita da lente attraverso la quale il creatore Alan Ball, che in precedenza aveva collaborato con la HBO in Six Feet Under, ha esplorato questioni contemporanee come la discriminazione razziale, l’omofobia e la violenza religiosa e, sebbene questi temi importanti fossero spesso oscurati dall’ambiguità generale del dramma, Ball non li ha mai persi di vista del tutto.

Quando Game of Thrones è stato presentato per la prima volta nel 2011, i dirigenti della HBO sono stati in grado di utilizzare True Blood , già alla sua quarta stagione, come progetto per adattare i romanzi fantasy ultra popolari in una serie. George RR Martin potrebbe aver scritto il materiale originale, ma i risultati di True Blood risuonano in tutto GOT , in particolare nella sua rappresentazione di nudità esplicita, violenza grafica e scene di battaglia su larga scala.

The Girls guidano un disordinato ritorno all’iperrealismo (dal 2012 al 2016)

Foto: HBO

Nella prima metà degli anni 2010, Il Trono di Spade è diventata la serie di punta della HBO, attirando un record di spettatori per il cavo premium e i servizi di streaming associati HBO Go e HBO Now. Ma nonostante tutto il suo successo, Game of Thrones era un valore anomalo nella lista di programmazione della HBO all’epoca, che abbracciava storie iperrealistiche sul disordine della vita. Questa tendenza è iniziata con Enlightened (2011-2013) di Mike White  , ma ha raggiunto il suo apice con Girls (2012-2017), l’esplorazione semi-autobiografica di Lena Dunham sulla noia millenaria.

A differenza del suo predecessore spirituale Sex and the City , che cercava più o meno un lieto fine per i suoi personaggi, Girls ha sollevato domande sul fatto che questi finali fossero meritati in primo luogo. La serie di Dunham era molto a suo agio nel giocare nella sandbox dei difetti dei suoi personaggi e non ha mai perso di vista come il loro narcisismo e coinvolgimento personale sussumessero le loro relazioni romantiche e platoniche.

LEGGI  Swamp, primo teaser della serie sul mostro della palude (VIDEO)

Con il senno di poi, è anche possibile vedere Veep (2012 – 2019) e The Jinx (2015) come esempi dell’impegno di HBO nel rappresentare autenticamente l’esperienza umana. Sebbene fosse presentato come una satira, Veep di Armando Iannucci si è rapidamente rivelato un accurato predittore di disfunzioni politiche (e ha guadagnato parecchi Emmy lungo la strada). Nel frattempo, The Jinx ha evidenziato le molte contraddizioni in gioco nella vita di Robert Durst e i compromessi richiesti al regista Andrew Jarecki per indagare sugli omicidi commessi da Durst. In un momento storico per il genere criminale vero, The Jinxsi è conclusa con Durst che ha confessato di “ucciderli tutti” con un microfono caldo; Jarecki ha consegnato il filmato alla polizia e Durst è stato arrestato per l’omicidio di Susan Berman il giorno prima della messa in onda del finale. Cosa c’è di più reale di questo?

Insecure apre la strada a storie più diverse (dal 2016 al 2021)

La critica più comune a Girls è valida: con i suoi quattro protagonisti bianchi e la tendenza a mantenere diversi personaggi ai margini, la serie di Dunham presenta una versione falsa di New York City, assente da persone nere o marroni.

LEGGI  Swamp, primo teaser della serie sul mostro della palude (VIDEO)

Ci sono voluti quattro anni, ma nel 2016 i dirigenti della HBO hanno finalmente preso a cuore questa critica impegnandosi in storie diverse di autori con un punto di vista distinto. A guidare l’accusa è stata Insecure (2016-2021), la commedia vincitrice di Peabody di Issa Rae sulle disavventure di una goffa ragazza di colore (lo stesso titolo della sua popolare serie web). Gran parte della prima stagione di Insecure era incentrata sulla relazione di Issa con il suo fidanzato di lunga data, Lawrence (Jay Ellis), ma nonostante una campagna di fan impegnata — #LawrenceHive, dove sei? — il cuore pulsante dello show è sempre stata la sua amicizia con Molly (Yvonne Orji). Per cinque stagioni, il push-pull tra Issa e Molly è servito come punto di partenza per Insecureper porre grandi domande su cosa significhi crescere e conoscere veramente noi stessi, il tutto descrivendo l’esperienza dei giovani neri che vivono nel sud di Los Angeles con colori vivaci.

L’enfasi di Insecure sull’amicizia femminile riflette la spinta ad andare oltre le radici maschili della HBO , iniziata sul serio dopo che Casey Bloys ha assunto la carica di capo della programmazione nel maggio 2016. Alla fine degli anni 2010, le storie di e per le donne hanno dominato la rete formazione, tra cui Veep , Big Little Lies (2017-2019), thriller gotico Sharp Objects (2018) e Watchmen (2019). Il Trono di Spade ha seguito l’esempio: anche se non ha rispettato del tutto l’atterraggio, le stagioni successive hanno incentrato personaggi femminili imperfetti ma potenti come Cersei Lannister (Lena Headey) e Daenerys Targaryen (Emilia Clarke). E con la sua rappresentazione incisiva di aggressioni sessuali e traumi, quella di Michaela CoelI May Destroy You , una coproduzione tra BBC One e HBO, si pone come una delle serie più sconfinate del 21° secolo fino ad oggi.

House of the Dragon guida HBO nella sua prossima era (dal 2022 a ?)

Foto: HBO

Quali sono le prospettive per HBO? Con la casa madre Warner Bros. Discovery in subbuglio, è difficile sapere dove porterà la rete via cavo premium nei prossimi cinque o dieci anni, ma House of the Dragon sembra pronta ad aprire la strada. La premiere dello spinoff de Il Trono di Spade è stata seguita da oltre 10 milioni di spettatori, rendendolo il più grande debutto di sempre della HBO. Tuttavia, la seconda stagione non dovrebbe debuttare fino al 2024, quindi c’è tutto il tempo per un altro spettacolo per entrare e modificare per sempre l’identità della HBO.

Potrebbe essere Succession , che sembra reinventarsi ogni stagione mentre i suoi personaggi si contendono la posizione attorno a un onnipotente patriarca? Sarà forse The Last of Us , la prima serie HBO a essere basata su un videogioco? O forse sarà uno dei dozzine di altri progetti che la HBO sta sviluppando, dal dramma di lunga gestazione di The Weeknd The Idol alla serie limitata The White House Plumbers di David Mandel . Qualunque cosa accada, puoi contare sulla prossima era di HBO per offrire qualcosa di fresco ed eccitante, anche se coinvolge qualche drago in più.

ARTICOLI INTERESSANTI SULLO STESSO TEMA:

I più visti della settimana: