lunedì, Dicembre 5, 2022
No menu items!

La tintura dei capelli causa il tumore al seno

Una nuova ricerca solleva preoccupazioni sulla sicurezza della tintura permanente per capelli e delle piastre per capelli chimici, in particolare tra le donne afroamericane. Lo studio è stato pubblicato mercoledì sull’International Journal of Cancer .

Precedenti ricerche sugli animali hanno trovato collegamenti tra determinate sostanze chimiche nella tintura per capelli, piastre e cancro. Ma i risultati di altri studi sull’uomo sull’associazione tra tinture per capelli, piastre e cancro sono stati incoerenti. Questo ampio studio prospettico fornisce prove più solide di un collegamento.

I ricercatori hanno analizzato i dati di uno studio in corso chiamato Sister Study , esaminando le cartelle cliniche e le indagini sullo stile di vita di 46.709 donne di età compresa tra 35 e 74 anni. Le donne hanno risposto alle domande sul loro uso di tinture per capelli e piastre. Mentre studi precedenti sulla tintura per capelli e il rischio di cancro includevano principalmente donne bianche, il nuovo studio include il 9% di donne afro-americane.

I ricercatori hanno scoperto che le donne che utilizzavano tinture per capelli permanenti o piastre chimiche erano a maggior rischio di sviluppare il cancro al seno.

“L’associazione era notevolmente più elevata tra le donne di colore”, afferma l’epidemiologa Alexandra White , autrice dello studio e ricercatrice presso l’Istituto nazionale di scienze della salute ambientale, che studia i fattori di rischio ambientale per il cancro al seno.

Dopo otto anni di follow-up, White ha scoperto che l’uso di tinture per capelli permanenti era associato a un rischio circa il 7% più elevato di sviluppare il cancro al seno tra le donne bianche “, mentre nelle donne di colore tale rischio era di circa il 45%”.

Tale rischio era ancora più elevato tra le donne di colore che si tingevano i capelli frequentemente, ogni uno o due mesi.

I ricercatori non sanno quali ingredienti nei prodotti potrebbero essere fonte di preoccupazione. Lo studio non ha esaminato gli ingredienti specifici nei prodotti che le donne stavano usando, solo se avevano usato il prodotto e se avevano sviluppato il cancro al seno.

LEGGI  40 foto di persone trasformate con la dieta

Tutte le donne nello studio delle sorelle erano già ad alto rischio di cancro al seno poiché avevano una sorella che aveva un cancro al seno.

I ricercatori osservano che negli Stati Uniti l’incidenza del cancro al seno rimane alta per tutte le donne e sembra aumentare per le donne di colore non ispaniche, che hanno anche maggiori probabilità di ricevere diagnosi di forme più aggressive della malattia e maggiori probabilità di morire di esso .

LEGGI  I chirurghi mostrano i polmoni umani dopo 30 anni di fumo, ed è scioccante

I prodotti per capelli contengono più di 5.000 sostanze chimiche, secondo i ricercatori, compresi quelli con proprietà mutagene e che alterano il sistema endocrino come le ammine aromatiche, che possono aumentare il rischio di cancro, secondo White.

Quando si trattava di piastre chimiche, il rischio non variava in base alla razza. Entrambe le donne in bianco e nero che hanno usato la piastra per capelli avevano circa il 30% in più di probabilità di sviluppare il cancro al seno rispetto a quelle che non usavano i prodotti. Tuttavia, le donne di colore hanno maggiori probabilità di usarle, con circa il 75% delle donne di colore nello studio che afferma di raddrizzare i capelli.

“Per i prodotti chimici una delle maggiori preoccupazioni è la formaldeide, che è un noto cancerogeno”, afferma White. Rileva che nei primi anni 2000, poco prima dell’inizio dello studio, sono stati immessi sul mercato i trattamenti alla cheratina brasiliana. Questo nuovo trattamento, comunemente chiamato scoppio brasiliano, contiene formaldeide, mentre i precedenti trattamenti di lisciatura dei capelli no.

I risultati dello studio dovrebbero essere compresi nel contesto, afferma il dottor Otis Brawley , un oncologo medico presso la Johns Hopkins University. Il rischio effettivo riscontrato per l’uso di questi trattamenti per i capelli è piuttosto basso, aggiunge, soprattutto rispetto ad altri agenti cancerogeni noti come il tabacco o le radiazioni. “Questo è un segnale molto debole che queste cose potrebbero causare il cancro nella popolazione”, dice.

Sono necessarie molte più ricerche, dice, per sapere con certezza quanto siano rischiosi questi prodotti. Ad esempio, studi clinici a lungo termine con un gruppo di controllo e un placebo sarebbero più definitivi, ma questo tipo di studio “sarebbe difficile se non impossibile da fare”.

LEGGI  Salgono le morti causate da sigarette elettroniche: la mappa è inquietante

“A volte la scienza non può darci le risposte che vogliamo che ci dia”, afferma Brawley.

Nel frattempo, dice Brawley, ci sono alcuni fattori dello stile di vita che hanno una più forte evidenza di un legame con il cancro e sono più importanti su cui le donne si concentrano. “È certo che l’obesità, il consumo di troppe calorie e la mancanza di esercizio fisico sono un fattore di rischio per il cancro al seno, un fattore di rischio definito”, afferma, mentre i risultati di questo studio si sommano a un “forse” quando si tratta rischiare.

LEGGI  Salgono le morti causate da sigarette elettroniche: la mappa è inquietante

La dottoressa Doris Browne , oncologa medica ed ex presidente della National Medical Association, suggerisce alle donne di iniziare una conversazione con il proprio medico in merito al rischio di cancro al seno.

“Penso che sia importante per le donne, in particolare le donne afroamericane, non farsi prendere dal panico ogni volta che esce uno studio”, afferma. “Ma dovrebbe sollevare domande per i nostri fornitori di cure primarie.”

Ad esempio, Browne suggerisce a medici e pazienti di discutere dell’uso di prodotti per capelli come coloranti e piastre, insieme ad altri aspetti di una “storia sociale” come il consumo di alcol, il fumo, l’obesità e il vivere vicino a contaminanti ambientali.

Secondo Browne, la lezione chiave di questo studio sia per i medici che per i pazienti è che “quando siamo a conoscenza di una nuova associazione (del rischio di cancro al seno) dobbiamo aumentare la nostra sorveglianza” per includere questo potenziale fattore di rischio nelle discussioni medico-paziente .

Per entrambe le razze, non vi era alcun rischio aumentato per le donne che usavano coloranti semi-permanenti o temporanei, il tipo che alla fine si lavava con lo shampoo. Per ridurre il rischio, la ricercatrice White afferma che le donne potrebbero voler scegliere questi prodotti.

ARTICOLI INTERESSANTI SULLO STESSO TEMA:

I più visti della settimana: