Il regista di “Poltergeist III” è stato costretto a finire il film dopo la morte della bambina protagonista

Quando bambino star Heather O’Rourke tragicamente scomparso all’età di 12 anni dopo un’improvvisa malattia, il suo ultimo lavoro, il sequel horror Poltergeist III, era ancora in produzione. (Era diventata famosa per la prima volta con il primo film della serie, nel 1982). Secondo un JoBlo.com del 2000 intervista al regista Gary Shermannc’erano ancora 17 pagine di sceneggiatura da girare, incluso un finale “strappalacrime” in cui la medium Tangina (Zelda Rubinstein) si è sacrificata per salvare le vite di Carol Anne di O’Rourke e di altri personaggi. Quel finale originale non è mai stato girato, ha spiegato Sherman, e per chi è a conoscenza del tragico retroscena, il prodotto finito è infestato da fantasmi in un modo completamente diverso da quello originariamente previsto dai realizzatori. Continua a leggere per sapere cosa ha detto il regista sull’essere stato costretto a finire il film dopo la straziante morte della sua giovane star e su come la sua scomparsa possa o meno aver portato a un finale completamente diverso per il franchise.

Sebbene avessero filmato la maggior parte della sceneggiatura, Sherman ha detto che molte delle persone coinvolte semplicemente non avevano la volontà di continuare la produzione dopo la morte di O’Rourke. “Non avremmo nemmeno finito il film dopo la morte di Heather”, ha detto a JoBlo.com. “Non ero interessato, né lo era (produttore) Berry Bernardi o i direttori dello studio, Alan Ladd Jr. E Jay Kanter. Nessuno di noi lo era. Ci siamo riuniti e abbiamo deciso di accantonare il progetto, almeno per il momento”.

Secondo Sherman, il consiglio di amministrazione della Metro-Goldwyn-Mayer ha chiesto che il film fosse completato, con o senza la sua regia, con il risultato che il finale esistente e insoddisfacente del film è stato girato dopo la morte di O’Rourke. “Fondamentalmente hanno detto: ‘Guarda, o finisci questo o faremo in modo che qualcuno lo finisca per te'”, ha detto il regista a JoBlo.com. “Dal momento che non avevamo intenzione di lasciare che accadesse, ho scritto a malincuore quel patetico finale in cui Bruce (Tom Skerrit) e Patrizia (Nancy Allen) eseguono alla fine una controfigura, vestita da Carol Anne.”

Anche se tecnicamente lo spettacolo è andato avanti, nessuno ci ha messo il cuore, almeno secondo Sherman, che ha detto che questo è il motivo per cui Donna (Lara Flynn Boyle) fidanzato Scott (Kip Wenz), non torna mai dall’Aldilà dopo essere passata con Donna e Carol Anne.

“Le persone non erano più disponibili (per filmarlo)”, ha detto. “Semplicemente non ci importava. (Wentz) non poteva nemmeno presentarsi. Era sulla costa orientale, ecco perché è misteriosamente scomparso. Ma alla fine non ci importava.”

Cinque anni dopo quell’intervista a JoBlo, un post sulle bacheche di Internet Movie Database di qualcuno che affermava di essere Wentz contraddirebbe la versione degli eventi di Sherman, tuttavia. Il post suggeriva che non solo Wentz era disponibile per le riprese, ma anche quello il finale originale era stato girato ed è stato semplicemente annullato perché presentava O’Rourke.

“So che Gary ha detto (il finale originale non è stato filmato) in un’intervista molto tempo fa, ma non è vero”, ha affermato il poster che pretende di essere Wentz. “Il finale ‘originale’ è stato girato. Il film è stato terminato circa sette mesi prima della morte di Heather. Dopo la sua morte, hanno voluto girare di nuovo il finale perché ovviamente presentava Heather in primo piano ed è stato tutto molto sconvolgente per tutti.”

La controversia sul fatto che il finale originale sia mai stato girato o se un finale insoddisfacente sia stato girato di nuovo dopo la morte di O’Rourke è durata decenni. Un sito di fan ha scavato a fondo nel misteroraccogliendo articoli di riviste e conducendo interviste con vari membri del cast e della troupe (alcuni dei quali hanno ricordi diversi) ma non ha mai raggiunto una risposta definitiva anche dopo anni di indagini.

Indipendentemente dal fatto che il finale previsto sia mai stato girato o meno, il film è stato infine completato e distribuito il 10 giugno 1988, quattro mesi dopo la morte della sua giovane star. L’uscita è stata complicata dal fatto che lo studio non voleva essere visto come uno che sfruttava il passaggio di O’Rourke per i dollari al botteghino.

Per un certo periodo, anche MGM considerato la vendita dei diritti alla produzione da 10 milioni di dollari e al coinvolgimento delle star sopravvissute gravemente limitate Skerritt e Allen nelle interviste promozionali, secondo un articolo contemporaneo in IL Times di Los Angeles. Secondo quanto riferito, lo studio era particolarmente preoccupato per le percezioni di una cosiddetta “maledizione” sul franchise, poiché un membro del cast era morto sulla scia della produzione di tutti e tre i film della serie: Dominique Dunnche interpretava il fratello maggiore di Carol Anne negli anni ’82 Poltergeistera ucciso lo stesso anno dell’uscita del film, mentre Giuliano Beckche ha interpretato il cattivo negli anni ’86 Poltergeist IIera malato di cancro durante le riprese e morì nel 1985.

Il secondo sequel del successo horror originale, che portava a dedica alla stella bambina defunta aperto a recensioni negative e raccolto solo una frazione di ciò che avevano i suoi predecessori realizzato al botteghino.

ARTICOLI INTERESSANTI SULLO STESSO TEMA: